Archive for ottobre 15, 2011

Raccolta di fotografie

Pubblico alcune fotografie dal sito http://fotografiemax.altervista.org/ di Massimiliano.

http://fotografiemax.altervista.org/gallery/

THE VAD VUC – Skauntry Irish Folk (Svizzera)

Venerdì 15 ottobre 2011 ore 22.00
Luogo: CIRCOLO ARCI RB MUSIC - Viale dei Mareschi 16 (zona industriale), Avigliana (TO)
ConcertoTHE VAD VUC - Skauntry Irish Folk (Svizzera)
“Una delle migliori realtà del panorama musicale svizzero,
i Vad Vuc ci propongo uno skauntry irish folk dal gusto inconfondibile,
una carrellata di ordinarie storie straordinarie (o viceversa) e personaggi, solo apparentemente secondari,  che passano, sì, ma che lasciano il segno”

Skauntry Irish Folk – Svizzera

Band folk rock svizzera di 8 elementi, dal 2003 ha collezionato 6 album ed oltre 300 concerti, in cui i Vad Vuc hanno aperto le performances di artisti d’eccezione come Ska-P, Misfits, No Use For A Name, Gotthard, Paul Di Anno (ex Iron Maiden), Mercanti di Liquore, Modena City Ramblers, Yo Yo Mundi, Massimo Bubola, Davide Van De Sfroos, Simone Cristicchi, Frankie Hi-NRG, La Crus, Bandabardò, Folkabbestia, Après la Classe, Gang e tanti altri.

http://www.vadvuc.ch

THE VAD VUC nascono nel dicembre del 2000 ed in poco tempo il loro skauntry irish folk si insinua in ogni angolo del Canton Ticino raccogliendo, fin da subito, uno straordinario consenso di pubblico, che si riassume con i tanti riconoscimenti e premi ricevuti, in quei primi anni a livello regionale, ed in seguito anche oltre confine: l’ultimo album, LA PARATA DEI SECONDI, è stato inserito tra le “Le scelte del Corriere” – Corriere della Sera – nell’edizione del 01.05.2010. Il brano “La grazia di un fiore” è stato inserito, dalla mitica Brigata Lolli (http://www.bielle.org/2010​/PrimiAscolti/Rece_VadVuc.​htm) tra le 20 canzoni italiane più belle del 2010, mentre la canzone “Caro Dottore” (http://www.youtube.com/wat​ch?v=4hdhFIrocX8) fa parte delle 40 finaliste di Italian Music Festival 8 insieme a brani di Fiorella Mannoia, Ivano Fossati, Capossela, Yo Yo Mundi e Simone Cristicchi.

LA PARATA DEI SECONDI (2009)
Alla realizzazione de “La parata dei secondi” hanno preso parte anche alcuni grandi musicisti. Tra questi, su tutti, il violinista dei The Waterboys STEVE WICKHAM. Considerato da molti come il più grande violinista rock della storia, oltre ad aver composto “Fisherman’s Blues”, ha suonato e collaborato con artisti quali Bob Dylan e U2 (suo, ad esempio, il violino in “Sunday Bloody Sunday”). Presenti alla parata anche: gli YO YO MUNDI, una delle più ispirate realtà del panorama musicale folk rock della musica d’autore italiana, che hanno all’attivo collaborazioni con, per citarne alcuni, Giorgio Gaber ed Ivano Fossati; MARINO SEVERINI, voce storica dei The Gang; gli GNU QUARTET, frizzante ensemble genovese costantemente impegnato con artisti del calibro di Gino Paoli, Simone Cristicchi, Afterhours e Niccolò Fabi; e tanti, tanti altri ospiti. Per quanto riguarda i testi, continua la collaborazione con il poeta ticinese Silvano Chiesa, autore di “E sparissan par sempru” e di “Quasi véll da barch”, primo ed ultimo brano del disco. Da segnalare inoltre la presenza di “Un aviatore irlandese prevede la sua morte”, prima traduzione in dialetto del celebre poema “An Irish Airman Forsees His Death” di W.B. Yeats.

The Vad Vuc sono:
Cerno – Voce, Chitarra, Mandola, Mandolino
Büti – Fisarmonica, Tromba, Piano
Sebalter – Violino, Mandola, Mandolino
Q – Sax, Flauti, Cori
Seba – Trombone, Bombardino, Cucchiai
Boss – Susafono, Piano, Basso
Jacky – Basso, Banjo, Cori
Miske – Batteria, Percussioni

Patrimouanë dla Jan – Patrimonio della Collettività 2011

Sono aperti i termini per la presentazione delle candidature all’attribuzione del riconoscimento ArTeMuDa Patrimouanë dla Jan – Patrimonio della Collettività 2011.
Il riconoscimento di Patrimouanë dla Jan – Patrimonio della Collettività viene assegnato ogni anno dall’Associazione ArTeMuDa su proposta del Laboratorio di Ricerca Teatrale di Salbertrand, che si avvale di un apposita commissione di valutazione, a uno o più beni materiali o immateriali che siano o siano stati rilevanti per una determinata collettività del territorio di area occitana dell’alta Valle di Susa e che abbiano un forte valore simbolico nella cultura locale per la loro forza di creazione, di aggregazione, di comunicazione, di trasmissione del sapere o di memoria del senso di comunità.

Le candidature per quest’anno possono essere presentate da chiunque entro la data del 30 ottobre 2011 e possono essere inviate via posta all’indirizzo: Associazione ArTeMuDa – Via Macerata n. 1 – 10144 TORINO, oppure via e-mail all’indirizzo: artemuda@yahoo.it

Il bando completo è consultabile sul sito dell’Associazione ArTeMuDa.
Nel 2008 il riconoscimento è stato assegnato al Col Basset, per il valore simbolico nella lotta di Liberazione in riferimento alle battaglie del 1944, e all’alambicco consortile di Deveys, per il suo valore di aggregazione e di trasmissione della cultura materiale.
Nel 2009 il riconoscimento è andato al forno e alla fontana di San Colombano (Exilles), quali luoghi simbolo della tradizione contadina alpina dove la comunità si ritrovava quotidianamente, e all’alpeggio di Thuras (Cesana Torinese), per la particolare importanza come fonte di sostentamento della comunità contadina e come luogo simbolo della distruzione bellica.

Nel 2010 il riconoscimento è stato conferito ai racconti orali dell’immaginario popolare, creatori di uno spazio e di un tempo fantastici, veicolo della storia e della mitologia collettiva, capaci di dare anima e senso ai luoghi agiti dalla comunità o ad essa proibiti e alle piccole scuole di montagna, quelle un tempo esistenti in ogni borgata e quelle che oggi sopravvivono tenacemente grazie alla fierezza di una popolazione che da molti secoli, e prima di molte altre, investe sul diritto all’istruzione consapevole di quanto la scuola crei comunità.

Per info:
Tel: 3357669611
Email: artemuda@yahoo.it
Web: www.artemuda.it

———————————————————————
Associazione ArTeMuDa
Affiliata ARCI
Via Macerata, 1
10144 Torino
Tel/Fax: 011-4371919
Cell: 335-7669611
E-mail: artemuda@yahoo.it
www.artemuda.it

Sagra del marrone. Villar Focchiardo 2011

Sagra Valsusina del Marrone.
Villar Focchiardo
dal 15/10/2011 al 16/10/2011

 

Per maggiori informazioni: comune.villarfocchiardo.to.it

 

http://www.comune.villarfocchiardo.to.it/writable/c6333fa0-41fd-102f-b2f4-27a6cb08c5c2.pdf

La PRO LOCO e l’AMMINISTRAZIONE COMUNALE
con la collaborazione delle Associazioni Villarfocchiardesi
ORGANIZZANO
50° SAGRA VALSUSINA del MARRONE e la
33° MOSTRA MERCATO dei PRODOTTI AGRICOLI,
ORTOFRUTTICOLI, ARTIGIANALI e COMMERCIALI VALSUSINI
Sabato 15 e domenica 16 ottobre. È probabilmente la più antica sagra d’Italia dedicata al
marrone, che conferma ancora una volta la simbiosi  tra il paese e i rigogliosi castagneti che lo
circondano. Come si può leggere negli archivi storici, nel 1863 l'Amministrazione comunale
richiedeva alla Superiore Autorità il permesso di effettuare due fiere annuali, da tenersi una il terzo
giovedì d'aprile e l'altra il secondo lunedì d'ottobre. L'una utilizzata per commerciare
essenzialmente sementi e animali ad inizio dell'attività agricola annuale, mentre la fiera autunnale,
dedicata alla compravendita dei raccolti ed in particolar modo dei Marroni, con il passar del tempo
si è spostata alla terza domenica d'ottobre. Dal 1961, via via crescendo d'importanza, occupa ora il
terzo fine settimana d'ottobre, con la veste di Sagra Valsusina del Marrone e Mostra Mercato
dei prodotti agricoli, ortofrutticoli, artigianali e commerciali valsusini.
L’organizzazione è in capo alla Pro Loco ed al Comune, con la collaborazione delle associazioni
locali. In occasione della sagra, i castanicoltori  si contendono la palma di miglior produttore,
assegnata a colui che, presentando i propri cinquanta frutti di maggior pezzatura, fa registrare il
peso maggiore. Vengono invitati i produttori della Valle di Susa, che in un clima d'amicizia, mista
ad una sana competizione, ricercano, ogni anno, l'ambito primato, raggiungendo record variabili,
secondo l'annata, da 1300 a 1600 grammi.
Alquanto prestigioso è il “Marrone d’Oro”, che ogni anno viene conferito dalla ditta Cavargna di
Bussoleno, la più antica famiglia di raccoglitori all’ingrosso di castagne in Valle, al castanicoltore
che più si è distinto nella cura e nella valorizzazione del marrone: una sorta di premio alla carriera.
Altro concorso legato alla manifestazione è quello  delle composizioni, che premia chi esprime
maggior fantasia e abilità nell’impiegare i marroni per creare personaggi e ambientazioni. Ma a
registrare un vero e proprio bagno di folla durante la sagra è la distribuzione delle caldarroste, le
cosiddette “brusatà”: ogni anno oltre 50.000 visitatori scelgono Villar Focchiardo per assaggiare i
prelibati marroni abbrustoliti, e i “brusatairo” -  i personaggi in costume tradizionale addetti alla
cottura delle caldarroste nelle apposite padelle bucate a contatto diretto con il fuoco – ne
distribuiscono oltre venti quintali. A guidarli le  due figure chiave della festa che si rifanno a una
secolare tradizione paesana: “Perù e Gepa”, ovvero  “lo Desbatur” e “la Rapoloira”, colui che con
lunghe pertiche batteva i ricci sugli alberi per far cadere le castagne e colei che le raccoglieva. A
contorno della sagra sono previsti la degustazione  di piatti a base di marroni (una qualità di
castagna, tondeggiante e liscia, particolarmente adatta alla trasformazione in marron glacé) e altre
specialità gastronomiche della Valle di Susa, mostre, spettacoli musicali, parco avventura, itinerari
a cavallo ed in calesse.
L'introduzione delle piante di castagno sul territorio, pare risalga al primo millennio; possono
superare i cinque secoli di vita e le più vecchie ceppaie si trovano proprio nella zona tra Villar
Focchiardo e San Giorio, dove, verso la fine dell'anno 1200, l'Ordine dei Templari possedeva il
castagneto forse più grande della Valle di Susa.
Esistono circa 300 varietà di castagne, ma il titolo di  Marroni spetta solamente alla qualità
selezionata con particolari qualità organolettiche, guardata con particolare riguardo dalle
pasticcerie cittadine per la produzione dei prelibati marron glacé ed esportati all'estero, fino alla
lontana Australia. Nell’anno 2010 la Comunità Europea ha attribuito al Marrone della Valle di Susa
il marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta)
http://www.comune.villarfocchiardo.to.it/writable/c6333fa0-41fd-102f-b2f4-27a6cb08c5c2.pdf
PROGRAMMA DI SABATO 15 OTTOBRE
Ore 10.00   Apertura al pubblico della  SAGRA del MARRONE e della  MOSTRA
MERCATO presso area scuole elementari e nelle piazze e vie del paese.
Distribuzione “brusatà”,
Ore 10.30 Inaugurazione ufficiale.
Dalle ore 14.00 alle ore 19.00 spettacolo di strada della
“Compagnia Fratelli Ochner”
Teatro di strada itinerante con giocoleria e trampoli, adatto a tutte le
età e a tutti i tipi di pubblico, che saprà entusiasmare grandi e piccini
Ore 14:00 Spettacolo musicale del Gruppo “Marasma Folk”, presso l’area scuole
elementari.
 Nella regione nord-occidentale delle Alpi Piemontesi la gente si ritrova
spesso per trascorrere insieme una serata all'insegna del bal folk di
tradizione piemontese, occitana e provenzale, per ballare la courenta,
la giga, il balet, la bourrée e la mazurka .I Marasma Folk ripropongono
questi balli integrati da melodie della vicina Francia sino alle danze
bretoni, basche, irlandesi e svedesi. Gli strumenti utilizzati sono l'organetto
diatonico, la ghironda, la cornamusa, flauti, pifferi , percussioni ed il
cajon. I Marasma folk nell'illustrare le varie danze coinvolgono gli
spettatori insegnando i rudimenti dei passi sino ad ottenerne la
partecipazione divertita.
Ore 16.00          Danze Occitane con il Gruppo “Li Destartavelà” in Piazza Abegg
Ore 18.00          Spettacolo Musicale del Gruppo “Marasma Folk” in Piazza Abegg
Ore 20:30 Spettacolo musicale con “I FARINEI DLA BRIGNA” presso l’area scuole
elementari.
Ore 23.00 Chiusura Manifestazioni.
PROGRAMMA DI DOMENICA 16 OTTOBRE
Ore 9 Riapertura al pubblico della SAGRA del MARRONE e della MOSTRA
MERCATO presso area scuole elementari e nelle piazze e vie del Paese.
Distribuzione “brusatà”,
Dalle ore 11.00 alle ore 19.00 spettacolo di strada della
“Compagnia Fratelli Ochner”
Teatro di strada itinerante con giocoleria e trampoli, adatto a tutte le
età e a tutti i tipi di pubblico, che saprà entusiasmare grandi e piccini
Ore 10.30   Spettacolo musicale del Gruppo “Giada & the Barber Shop”presso l’area
scuole elementari.
   I componenti della band hanno una lunga storia musicale valsusina alle
spalle ma attualmente si sono stabilizzati su una formazione decisiva per
il loro inquadramento musicale: il Rock e il Blues degli anni 50/60/70 sono
i generi che caratterizzano maggiormente le scalette dei concerti.
Ore 14.00  Spettacolo musicale del Gruppo “Giada & the Barber Shop”in Piazza Abegg
Ore 16.00 Musica e Balli Occitani in Piazza Abegg con il Gruppo“Controcanto”
Gruppo musicale presente già da vari anni sulla scena musicale
piemontese, con una proposta dedicata specificamente al ballo folk. Il
repertorio strumentale, è vasto e articolato, centrato sulla musica
occitana dei due versanti delle Alpi, ma con vari sconfinamenti verso la
Bretagna, i paesi baschi o l’Europa dell’Est.Ore 17.00 Premiazioni concorso PESO e concorso CONFEZIONI a tema libero allestite
dai produttori di Marroni valsusini ed esposte al pubblico nelle due giornate.
Ore 19.00 Chiusura Manifestazioni.
Sia sabato che domenica
•  RISTORAZIONI CON MENU’ A BASE DI MARRONI E STUZZICANTI DOLCI PRESSO IL
CENTRO POLIVALENTE ED I RISTORANTI LOCALI.
•  Mostra fotografica  “50 anni della nostra Sagra” presso la Palestra delle scuole
elementari
•  Rievocazione di momenti di vita medievale con cavalli e tiro con l’arco a cura del
Gruppo “La Lancia di San Michele” e la “Scuderia del Biancone” nella zona vicino
all’area delle scuole elementari
•  Esposizione orologi solari “Dal sole fino all’ombra” a cura di Mario Rossero e Oscar
Cavezzale presso il Centro Anziani e Pensionati in  Piazza Abegg con i seguenti
orari: sabato 15 – 23 domenica 10 – 18
•  Mostra di Pittura con esposizione delle opere di sei artisti nelle vetrine degli
esercizi commerciali di Villar Focchiardo (aperti nelle due giornate), a cura di
Adriana Lucà
•  In Piazza Abegg esibiranno il loro talento le Scuole di Scultura ed Intaglio del
legno di Bussoleno, Alta Valle di Susa, Rivoli, Montalto Dora e Les Tourneurs del la
Basse Vallèe
•  Lungo le vie del paese  ed in Piazza Beata artigiani ed hobbisti eseguiranno
dimostrazioni in loco delle loro lavorazioni.
•  INAUGURAZIONE DEL PARCO AVVENTURA ZONA AREA CAMPER
sabato dalle ore 10.00 alle ore 22.00 – domenica dalle ore 10.00 alle ore 19.00. 

•  “UN GIRO SUL CALESSE”,  a cura dell’Associazione Arca di Noè,
sabato con partenza dalla rotonda do Via Umberto I – Ufficio Postale
domenica con partenza dal Parco Avventura
•  Saranno presenti  “Pero e Gepa” (lo Desbator e la Rapoloira) vestiti con i tipici
costumi del Paese oltre ai “Barbis du Vilè” ed ai “Brusatairo” per la preparazione
delle caldarroste.
•  Dove  acquistare i Marroni
•  nell’area delle scuole elementari Marroni freschi e prodotti derivati a cura della
Cooperativa  “La Maruna” con la presenza  dell’Associazione Produttori Marroni
Valle di Susa.
•  nell’area delle scuole elementari e lungo le vie del paese a cura dei produttori
locali.
http://www.comune.villarfocchiardo.to.it/writable/c6333fa0-41fd-102f-b2f4-27a6cb08c5c2.pdf

Farinei dla Brigna a Villar Focchiardo

Sabato 15 ottobre 2011

a Villar Focchiardo

suoneranno i FARINEI DLA BRIGNA alle ore 20.30 circa.

Il Monte Musinè a Mistero (Italia1)

Ho visto in tv la pubblicità del servizio giornalistico sul Monte Musinè a cura del programma di Italia1, Mistero.
Io sono riuscito a guardare quel servizio fino a circa 3minuti dal suo inizio, mi sono fermato ed ho fatto altro perchè l’ho trovato una vera porcheria.

Avrei voluto pubblicare il video sul mio sito, ma a giudicare anche dai commenti di persone che hanno visto integralmente la puntata, rintengo più opportuno negare questa visibilità e ribadire che il lavoro serio è ben altro.

Spero di non fare torto a nessuno.
Buona giornata a tutti.